COME OTTIMIZZARE LA PRIMA ORA DI MIX

Le fasi più importanti di un mixaggio musicale sono quelle che si svolgono durante la prima ora: le orecchie sono riposate, quindi più fresche e si hanno le prime impressioni riguardo il brano che ci accingiamo a mixare. In questa ora prenderai delle decisioni che influenzeranno il resto del lavoro; di seguito ecco come sfruttare al meglio la prima ora di mix.


– DAI UN PRIMO ASCOLTO AL BRANO E….

Rinomina le tracce, raggruppale, colorale, assegna i bus etc. Ascolta anche Il brano di riferimento che il produttore o l’artista ti ha inviato. Durante l’ascolto fai attenzione a tutti gli elementi del mix e inizia a distinguere gli elementi principali da quelli secondari; (se il pianoforte ha un volume molto alto può significare che lo strumento dev’essere trattato come principale).

Se state mixando un brano non vostro, utilizzate il ‘brano bozza’ come linea guida sul quale costruire il mixaggio.


– ORGANIZZAZIONE

Ripeto: rinomina le tracce, ordinale ed organizza il progetto; questo rende l’intero processo di mixaggio assai più semplice.

Abbrevia i nomi delle tracce e delle clip: se un kick include, per esempio, i numeri del contatore (0001-bip) sostituisci con il solo nome dello sturmento. Per scrivere commenti e specifiche riguardo gli strumenti utilizza il blocco note.

Per quanto riguarda il raggruppamento utilizza i colori e l’ordine sequenziale (strumenti percussivi avranno lo stesso colore e saranno disposti dall’alto verso il basso per importanza).


– RELAZIONI E VOLUMI

Uno degli aspetti più importanti del mixaggio audio è il bilanciamento dei volumi. Ottenere il giusto bilanciamento è essenziale; più importante di equalizzazioni, compressioni e tutto il resto.

Ma come lavoro per ottenere il giusto bilanciamento? Ascoltando l’anteprima del brano puoi iniziare a capire le relazioni; il passo successivo è capire la relazione tra gli strumenti del brano e il genere/sottogenere di musica che stai mixando (importa nel progetto brani di riferimento e cerca di capire la relazione tra gli elementi).


– PULIZIA PRELIMINARE

Durante le fasi di pulizia preliminare possiamo permetterci di ascoltare gli strumenti in solo per individuare e risolvere eventuali problemi di frequenze, sibilanti etc. Durante le successive fasi è però utile mandare in play più strumenti contemporaneamente ai fini di mantenere e stabilire le giuste relazioni tra gli strumenti del brano.

Una volta che le relazioni ed i volumi vengono stabiliti correttamente è semplice individuare fastidi e problemi come clipping, plosive, risonanze fastidiose. Una pulizia rapida di tutto ciò rende sicuramente le cose più facili durante il percorso di mix.


– SALVATAGGIO

Una volta che il brano ha un livello di base e la sessione è pulita ed organizzata Salva Con Nome ed effettua un Backup del progetto. In questo modo se sbaglierai qualcosa nelle fasi successive o ti renderai conto che la qualità del brano non sta aumentando puoi tornare indietro ripartendo da un buon punto.


PER APPROFONDIRE TUTTE LE TEMATICHE LEGATE AL MIXAGGIO DI BRANI MUSICALI HIP HOP (VOCI E BASI) PUOI PARTECIPARE AI CORSI DI MIXAGGIO HIP HOP: LEGGI IL PROGRAMMA CLICCANDO QUI.

0 Condivisioni